« Regina José Galindo, “Estoy viva” – Quella lieve esalazione involontaria

R. J. Galindo – Quien puede borrar las huellas (2003)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.